Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

Allenamento e Alimentazione

Scritto da Fondatore

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Come già accennato nel precedente articolo sul metabolismo dello Snowalper, un altro argomento importantissimo e sempre presente in qualsiasi uscita in montagna ed a qualsiasi quota è l'idratazione. Il nostro organismo ha bisogno di una costante ed adeguata idratazione mediante l’assunzione di acqua e sali minerali.

 Quando si fa attività in montagna, si instaurano condizioni tali per cui  è inevitabile una notevole perdita di liquidi, questo a causa di:

-Sudorazione maggiore

-Aumento della frequenza respiratoria e cardiaca

-Maggior dispersione di vapore acqueo da bocca e naso

-Evaporazione rapida per vento e/o sole che possono ingigantire i fenomeni precedentemente citati.

Tutto questo può portare alla disidratazione con perdita notevole di sali minerali ( dispersi mediante i nei nostri liquidi organici ) ed il manifestarsi di sintomi quali stanchezza, crampi muscolari, sfinimento, palpitazioni, ansia, vertigini o addirittura anche altre gravi complicanze.

Ovviamente anche solo uno di questi spiacevoli sintomi, presentato in ambiente montano può creare spiacevoli situazioni o addirittura un pericolo per voi e per gli altri.

Quindi, l'unico rimedio per evitare di incorrere in queste situazioni è di provvedere ad una costante ed abbondante idratazione.

La soluzione è semplice, in base alla gita che affronterete è necessario portare nello zaino una scorta di liquidi idonea al tipo, all’intensità e durata dell’escursione/ascensione, liquidi composti da acqua o bevande acquose arricchite di sali minerali:

-Isotoniche: Composte da Acqua, Sali minerali ed un massimo di 6/8 % di Carboidrati, permettono un'ottima idratazione ed un buon reintegro di energia.

-Ipotoniche: Composte da Acqua, Sali minerali ed lieve contenuto di Carboidrati, permettono un'ottima idratazione ed un leggero reintegro di energia.

La scelta migliore è sempre quella di bere frequentemente ed in piccole quantità, non bisogna aspettare di avere sete per farlo, stando comunque attenti a non finire le scorte prima del tempo.

Per agevolare l'idratazione, in commercio esistono dei comodi porta-borraccia da fissare frontalmente sulle spallette degli zaini o addiruttura degli zaini con porta borraccia integrati o sacca idrica interna e cannuccia esterna.

Ultima considerazione, riguarda un possibile errore con conseguenze poco piacevoli; prima ho citato due tipi di bevande (Isotoniche e Ipotoniche), queste bevande è possibile trovarle in bottiglie pronte all'uso oppure in polvere da miscelare con acqua. Nel secondo caso è necessario dosare la quantità di polvere da miscelare nella corretta quantità di acqua, in caso di sovradosaggio ed assunzione, l'elevata concentrazione salina e di zuccheri richiamerebbe liquidi a livello intestinale, sottraendoli al plasma, causando diarrea ed aggravando lo stato di disidratazione corporea.

Questo errore può capitare anche con l'alimentazione solida, maggiori approfondimenti nei prossimi articoli......

idratazione