Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

NOTA BENE: Queste informazioni sono frutto dell'esperienza personale di ogni singolo SnowAlper, valuta sempre le tue capacità prima di affrontare una gita, in alternativa affidati all'esperienza delle guide alpine.

Scritto da Fondatore
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Monte Altissimo Borno

  • PUNTO DI PARTENZA: Borno -BS-  
  • QUOTA PARTENZA: 1000 mt
  • DISLIVELLO: 700 m
  • TEMPO IMPIEGATO: 1,15 ore
  • MESE : Febbraio
  • RISCHIO VALANGHE: 1
  • DIFFICOLTA': MS
  • NEVE PREVALENTE: Neve trasformata compatta 
  • MATERIALE UTILIZZATO: Splitboard  

Questa gita ha come punto di partenza il parcheggio degli impianti di risalita di Borno/Monte Altissimo, infatti per raggiungere il Monte Altissimo si deve risalire a bordo delle piste da sci (Per essere precisi in realtà il primo tratto di percorso si svilupperebbe su un sentiero che sale a sinistra della pista, ma purtroppo vista la quota bassa e le poche precipitazioni nevose delle ultime stagioni, questo percorso è spesso privo di neve e quindi percorribile solo a piedi). Fortunatamente anche a Borno sono molto comprensivi e permettono la risalita a bordo pista senza creare alcun problema. Oltre a questo, da un paio di anni permettono anche le risalite/discese in notturna il martedì sera, con l'apertura straordinaria della Baita Monte Altissimo (Bar/Ristorante).

Questa gita è semplice e lineare, con pendenze lievi e costanti e solamente un paio di punti più impegnativi. Per questo è una gita molto frequentata, complice anche la sicurezza di essere su piste battute e la velocità di esecuzione, ottima per gli allenamenti o per le giornate incerte.

Tornando al percorso, si parte dalla biglietteria degli impianti di risalita, risalendo la prima parte di pista "Ogne", nel primo tratto la pista ha una penzdenza lieve, il primo cambio di pendeza lo si trova dopo circa 600 metri, in questo punto la pista curva a destra e successivamente subito a sinistra per poi proseguire dritta fino allo scollinamento in concomitanza dell'arrivo della vecchia "seggiovia intermedia" e del rifugio Capanna Plai (quota 1300 circa). Questo tratto a mio avviso è quello più "impegnativo", purtroppo a causa della quota bassa, spesso la neve presente è poca e soprattutto ghiacciata, unita alla pendenza della pista (considerata pista nera), si possono avere problemi di aderenza delle pelli. Quindi è da valutare prima di affrontare questo tratto le condizioni della neve.

Una volta scollinato si prosegue risalendo a sinistra della Capanna Plai, proseguendo sulla pista "Pian D'aprile". Ora si prosegue sempre sulla stessa pista, avendo l'accortezza di rimanere sul lato sinistro, da questo punto in poi è impossibile sbagliare e si prosegue sempre costanti, alternando punti con pendenza molto lieve a punti con pendenza maggiore, ma sempre semplici.

Arrivati in prossimità al piccolo cavalcavia dello skilift, l'arrivo rimane pochi metri a destra, in questo ultimo tratto si può decidere se proseguire sempre lungo l'ultimo tratto di pista (passando sotto al cavalcavia), oppure accorciare facendo qualche inversione e salendo a destra.

In entrambi i casi si arriva sulla piana dove si trova la Baita Monte Altissimo e l'arrivo della seconda seggiovia.

Salendo ancora per pochi metri a destra della Baita, si può trovare un'ampia "terrazza" dove è possibile avere una vista stupenda del lago d'Iseo, su tutti i monti ed anche i paesi ai piedi del Monte Altissimo.

Cambio di assetto comodo e riparato.

 Per la discesa si può optare per una delle piste, ma per evitare di dover staccare tavola/splitboard, è consigliabile scendere dallo stesso percorso della salita, oppure scendere il primo tratto dalla "Direttissima" o "Regina dei monti" per poi proseguire sulla stradina a destra (che scende a destra subito dopo la partenza dello skilift a fianco dello Snowpark) che ricollega alla pista "Pian D'aprile".

Successivamente  proseguendo al contrario lungo il tragitto utilizzato per la salita, arrivando fino al parcheggio.

Ci tengo a precisare che pur essendo una gita semplice ed a quote basse si può rivelare molto divertente, scendendo dalla "Pian D'aprile" si può scorrazzare nei boschetti a destra e sinistra della pista.

  

CONCLUSIONE:

-Gita semplice adatta a tutti.

-Gita sicura.

-Ottima gita di allenamento.

-Variante per la discesa tra i boschetti.

-Panorami stupendi.

-Possibilità di risalita in notturna con Rifugio aperto.

NOTE: Essendo a quote basse è sempre meglio informarsi prima sulle condizioni di neve.

contentmap_plugin