Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

NOTA BENE: Queste informazioni sono frutto dell'esperienza personale di ogni singolo SnowAlper, valuta sempre le tue capacità prima di affrontare una gita, in alternativa affidati all'esperienza delle guide alpine.

Scritto da Fondatore
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Cima Presena Dalla Pista Paradiso

  • PUNTO DI PARTENZA: Passo del Tonale -BS- (partenza cabinovia Paradiso)
  • QUOTA PARTENZA: 1860 mt
  • DISLIVELLO: 1200 m
  • TEMPO IMPIEGATO: 4 ore
  • MESE : Aprile
  • RISCHIO VALANGHE: 3
  • DIFFICOLTA': BS
  • NEVE PREVALENTE: Neve trasformata compatta con grumi di ghiaccio nella parte bassa, Neve farinosa nella parte media/alta, Neve sciolta al rientro
  • MATERIALE UTILIZZATO: Splitboard + rampanti + ramponi

Questa gita ha come punto di partenza il parcheggio degli impianti di risalita del ghiaccio Presena, al Passo del Tonale (il primo impianto a destra salendo da Ponte di Legno). Questo percorso, come molti altri al Passo del Tonale è parecchio frequentato, complice il fatto che sono molto comprensivi e permettono la risalita a bordo pista senza creare alcun problema.

Questa gita, dislivello a parte, può risultare molto impegnativa in base condizioni di neve trovate in aggiunta alle pendenze elevate.

Tornando al percorso, si parte dalla biglietteria degli impianti di risalita, risalendo la prima parte di pista "Paradiso". La pendenza è da subito elevata, in presenza di neve all'esterno della pista, è possibile risalire la parte a destra, in modo da spezzare la pendenza eseguendo qualche inversione.

Questo tratto a mio avviso è quello più "impegnativo", la possibile presenza di neve compatta e ghiacciata, unita alla pendenza della pista (considerata pista nera), può creare problemi di aderenza delle pelli. Quindi è da valutare prima come affrontare questo tratto in base alle condizioni della neve. Nel mio caso essendo chiusa la pista ho avuto la possibilità di risalire direttamente dalla pista, sfruttando tutta la larghezza ed eseguendo le inversioni. Avendo uno sciatore che mi precedeva e vedendolo in difficoltà per il fondo irregolare e ghiacciato, ho optato da subito per il montaggio dei rampanti, successivamente anche lui è costretto a montarli. (poi smontati all'arrivo al passo)

Si prosegue sempre risalendo la pista, fino a scollinare al passo Paradiso, dove è presente l'arrivo della cabinovia e la partenza della nuova cabinovia del Presena. Una volta scollinato si prosegue risalendo a destra della nuova cabinovia, sorpassando il monumento alla Fratellanza (m.2600) . Ora la pendenza diventa lieve e ci si sposta a sinistra seguendo la pista, risalendola fino alla Capanna Presena (vecchia partenza dello Skilift, ora smantellato).

A questo punto ci si trova davanti al ghiacciaio del presena, e si riesce a vedere la Cima Presena (in alto a sinistra).

In questo ultimo tratto la pendenza aumenta, è quindi necessario risalire sul lato sinistro della pista (dove era presente lo skilift), eseguendo le inversioni fino a raggiungere l'ampia "terrazza" ai piedi della Cima Presena (ora purtroppo occupata per gran parte dall'arrivo della nuova cabinovia e da gente chiassosa) .

Da questo punto si apre una vista stupenda sul Pian Di Neve e sulle vedrette dell'Adamello.

Lasciata alle spalle si procede a sinistra, percorrendo l'ultimo tratto che porta in Cima Presena (3070mt) ,questo tratto è consigliabile raggiungerlo a piedi ed in caso con ramponi. Quindi lascio la splitboard ai piedi della Cima e la raggiungo con i ramponi.

Come si nota dalle foto, questa gita me la sono regalata per festeggiare i 30 anni, quindi non poteva mancare una tortina di compleanno per reintegrare le energie perse e preparami per la discesa.

Cambio di assetto e si scende dallo stesso itinerario di salita, (in alternativa si potrebbe optare per scendere a destra dal fuoripista del Cantiere, ma questo comporta un tratto a piedi per raggiungere il parcheggio di partenza).

La neve incontrata in discesa è stata ottima nella parte alta ed ovviamente è andata man mano peggiorando mentre si perdeva quota, fino ad arrivare alla classica neve sciolta di fine stagione in prossimità dell'arrivo.

CONCLUSIONE:

-Ottima gita bella e divertente.

-Gita impegnativa soprattutto nel primo tratto

-Panorami stupendi, tra i più belli in assoluto (sarò di Parte..ma si parla di Pian di Neve ad Adamello..)

-Gita fattibile fino a stagione inoltrata

NOTE: 

-Primo tratto impegnativo per pendenza elevata e condizioni di neve

-Ultimo tratto per salire in vetta ripido da valutare come risalirlo in base alle condizioni di neve ed alle proprie capacità.

-Dalla stagione 15/16 presente in arrivo al Passo la nuova Cabinovia con conseguente presenza fissa di molta gente. 

contentmap_plugin