Questo sito utilizza i cookie che ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi acconsenti all'uso dei cookie.

NOTA BENE: Queste informazioni sono frutto dell'esperienza personale di ogni singolo SnowAlper, valuta sempre le tue capacità prima di affrontare una gita, in alternativa affidati all'esperienza delle guide alpine.

Scritto da Lotti Davide -Dandi-

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Alpe di Vallestrina da Febbio -RE-

Zona: Appennino Reggiano
Luogo di partenza: Febbio impianti- Rescadore
Quota di partenza: 1200 slm
Quota Vetta: 1904 slm
Dislivello positivo: 704 slm
Esposizione: Nord/Ovest
Materiale usato : Splitboard, rampant, ramponi, 2 piccozze
Difficoltà: BSA - S4 - E2

Rider : Lotti Davide -Dandi-

RISALITA: Partenza da Febbio impianti, seguire la strada forestale per Peschiera Pianvallese che continua prima asfaltata poi ghiaiata (in caso di poco innevamento con le macchine è possibile arrivare fino a Pianvallese), seguire segnaletica CAI sentiero n°615 direzione Pianvallese. Il sentiero salirà nel bosco ed in 20 minuti vi condurrà alla peschiera di Pianvallese. Abbandonare quindi il sentiero n°615 all'altezza del parcheggio nella piana della peschiera. Attraversare tutto il prato costeggiando la recinzione della peschiera sulla SX.

Tenendo una evidente strada forestale si attraversa un piccolo torrente poi si risale la strada sulla DX, affrontata una curva sulla SX dopo breve mantenere nuovamente la DX, salendo incontrerete una piccola costruzione in cemento. Poco dopo questa costruzione la strada si biforca nuovamente. Imboccare quella di DX (sono strade dove passano trattori di taglia legna quindi evidenti anche in caso di innevamento), salire ripidi fino a costeggiare delle grandi aree disboscate. Da queste radure è già possibile vedere la rocciosa parete del Vallestrina che spicca dietro al bosco. Mantenere in pianoro lato destro delle radure e puntare al Vallestrina. Un breve tratto di bosco vi dividerà da una seconda radura che costeggiata anch'essa, ma sulla sua destra, dovrete abbandonarla prendendo il bosco in direzione della parete e dell'avvallamento sottostante. Unico tratto in cui occorre intuitività e orientamento nel tragitto in quanto si risale per bosco non segnalato per circa 15 minuti fino a che non vi raccorderete con sentiero CAI 611.

Puoi continuare la lettura sul sito web di Appennino splitboard cliccando  --->QUI<---

 

01

02

03

contentmap_plugin